Chirico: ‘Juve in crisi, perdere lo scudetto ora è realistico. Sarri in piena confusione: Agnelli richiami Allegri!’

Chirico: 'Juve in crisi, perdere lo scudetto ora è realistico. Sarri in piena confusione: Agnelli richiami Allegri!'

Da + 4, con  la possibilità di allungare a + 6, al ri-aggancio da parte dell’Inter, e con la Lazio ad un solo punto di distanza. Ricordate cosa disse Antonio Conte nella conferenza di  inizio stagione? “Partiamo sfavoriti, a meno che la Juventus non si incarti da sola”. La Juve si è incartata, e la possibilità che perda lo scudetto, dopo averne vinti 8 di fila, è quanto mai realistica. Il cammino è ancora lungo, e con 15 giornate da giocare e 45 punti a disposizione, tutto è possibile, però Inter e Lazio sono gasate, mentre la Juve è in crisi. Motivazionale e di gioco, totalmente inesistente. Non ammetterlo equivarrebbe ad essere ciechi, e il tifo esasperato e fine a se stesso spesso lo è.

La squadra bianconera è in una fase involutiva evidente: non solo non mostra miglioramenti progressivi sul piano del gioco, ma peggiora di partita in partita. Del tanto decantato sarrismo non c’è traccia, lo si è intravisto solo a sprazzi. Troppo poco. La Juventus attuale gioca peggio di quella di Allegri, o meglio, quella del Max non era esteticamente bella da vedere ma produceva risultati, questa del mago di Figline è brutta e perdente. 

È ancora in testa alla classifica del campionato, è in semifinale di Coppa Italia e agli ottavi di Champions League, ma ha perso – male –  già un trofeo (la Supercoppa) con una sua diretta rivale. Eppoi, i numeri – per chi vuole e sa leggerli – parlano chiaro:  continua ad incassare gol con una frequenza impressionante, ne segna pochi (il 3-0 con la Fiorentina è bugiardo) , viene sconfitta con molta più facilità di prima in trasferta, dove solo nelle ultime 5 ha incassato la bellezza di 9 reti. Sono dati preoccupanti.